Subentro Luce e Gas

Come fare il subentro di luce e gas

1
2
3
4
AVANTI

Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Subentro luce e gas: tutto quello che c’è da sapere

Si parla di subentro quando è necessario riattivare un contatore. Si tratta di una procedura spesso richiesta se si entra in una casa che è già stata abitata in precedenza e per la quale il precedente inquilino ha disdetto le utenze. Il subentro può essere richiesto al fornitore che si preferisce (es. Enel Energia, Eni gas e luce, Iren luce gas e servizi, Illumia, Edison, Acea…).

Il subentro luce e gas è una procedura che non richiede grandi sforzi ed è solitamente rapido. Dopo aver confrontato le offerte luce e gas disponibili e aver verificato che siano valide anche per il subentro, è necessario attivare l'offerta online, al telefono o presso i punti vendita fisici dei fornitori. Se si ha bisogno di supporto, i consulenti di ComparaSemplice.it possono aiutare in ogni fase della riattivazione del contatore, proponendo le migliori offerte per il subentro di luce e gas.

Una volta effettuata la richiesta di riattivazione del contatore, è necessario attendere circa 7 giorni per la nuova fornitura dell'energia elettrica, 10 giorni, per la nuova fornitura di gas metano, da contare a partire dal giorno in cui il distributore riceve la richiesta da parte del fornitore. Nel caso in cui l'impianto del gas abbia subito modifiche dopo l'attivazione, i 10 giorni decorreranno dalla ricezione, da parte del distributore, di tutti i documenti necessari per valutare la messa a norma dell'impianto.

Documenti necessari per la voltura della luce

Per richiedere la riattivazione del contatore sono necessari i seguenti documenti:

  • dati dell'intestatario del contratto (codice fiscale, carta d'identità, numero di telefono, indirizzo email);
  • indirizzo di residenza dell'intestatario e indirizzo per recapito bollette;
  • indirizzo della fornitura;
  • codice POD (energia elettrica) o codice PDR (gas): si tratta d'informazioni che trovi nelle precedenti bollette. Se non ne hai a disposizione segui i link per le guide su come recuperarli.
  • dati dell'intestatario del contratto;
  • IBAN (in caso di scelta di addebito diretto delle fatture su conto corrente).

Una volta raccolte queste informazioni, si può procedere con la richiesta di subentro, da sottoporre al fornitore scelto.

Costo subentro luce e gas

Il costo per il subentro luce varia a seconda che il cliente sia servito sul mercato tutelato (67€) o sul mercato libero (45€-85€). Nel primo caso, il costo è determinato dalla somma di contributi fissi, oneri amministrativi e imposte di bollo. Nel mercato libero, invece, il prezzo varia sensibilmente da fornitore a fornitore, partendo da un contributo fisso di 25,81€.

Il costo di un subentro gas viene addebitato dal distributore competente. I costi sono solitamente definiti a livello nazionale: fino a classe G6 sono 30€, superiore a classe G6 sono 45. Possono subire leggere modifiche su base territoriale. In caso di mercato libero, possono essere aggiunti contributi di gestione amministrativa da parte del fornitore. Si consiglia, comunque, di verificare i costi indicati dal contratto del distributore.

Il subentro con i principali fornitori

Per aiutare a reperire informazioni più dettagliate possibili per la richiesta di subentro di luce e gas, offriamo degli approfondimenti dedicati alla procedura e ai suoi costi per ciascuno dei principali fornitori del mercato energia in Italia:

Per informazioni e maggiori approfondimenti, i consulenti di ComparaSemplice.it sono a disposizione con una assistenza professionale, gratuita e non vincolante.

Contattaci telefonicamente 02 200 11 200, tramite chat oppure lasciaci email e telefono e ti

richiamiamo noi

.

Comparasemplice

Energia Casa e Business
Guide Energia
Fornitori di Luce e Gas

Valutazione del nostro servizio di comparazione

Media: 5 su 5
Basata su 1250 recensioni cliente

News

Tutte le news